images

OM
IL RISVEGLIO DELLA VITA
“Ogni volta che vieni alla pratica dello yoga e ripeti il suono della OM, ricorda che ti stia connettendo con le origini del mondo e con le tue stessi  origini di vita”.
(Stefano Sattwa  Pagnanelli dal libro Yoga un nuovo inizio)

All’inizio il mondo e l’universo non era così come lo vedi  ora, ma era uno soltanto un’idea (Mahat) allo stato potenziale, uno spazio (Akasha) alle origini della vita. Allo stesso modo di come nella tua mente,  sviluppi  un’idea o un progetto, soltanto successivamente lo realizzi e o lo metti in pratica. Quello spazio potenziale, immanifesto,  composto da coscienza,(Purusha), energia (Shakti), tempo (Kala) e spazio (Akasha) e dagli elementi primordiali di cui la vita à composta, spazio, aria, fuoco, acqua e terra, (Akasha, Vayu, Agni, Apas, Prithivi), ad un certo punto si sono come risvegliati dallo stato inconscio, ed  hanno  iniziato il processo della manifestazione e la creazioni dei  mondi e della vita. di cui anche noi siamo parte.  Il risveglio della vita ha prodotto uno scuotimento, una vibrazione,  che i rishi (saggi) e gli yogi dell’antichità, hanno percepito ed udito come il suono della OM, ancora oggi presente nello spazio sottile, in quanto il processo della manifestazione è ancora in corso, ed è  continuo e perenne. Ogni volta che vieni alla pratica dello yoga e ripeti il Mantra OM, ricorda che ti stia connettendo con le origini del  mondo e con le tue stessi origini, per questo il Pranava OM è stato investito della sacralità, non perché abbia necessariamente un senso religioso, ma perché è la vita, la stessa che è presente in te.

Dicci la tua