LA POSIZIONE DELL’ARATRO

Tantric-Yoga-03-604x270

HALASTantric-Yoga-03-604x270ANA La forma dell’aratro.
Presentazione: la forma corporea prende il nome dall’antico aratro in legno, ancora oggi utilizzato nei piccoli villaggi rurali dell’india,
Simbologia: il corpo in halasana, assume la forma di un aratro, uno strumento connesso all’elemento terra, la divinità che presiedela forma è Sita, il solco che viene tracciato nella vita affinche possa donare fertilità e buoni frutti.
Descrizione: Halsana è una forma corporea capovolta a tutti gli effetti, l’anatomia e la fisiologia corporea nelle posizioni capovolte si modifica, il corpo è indotto a cercare e ricreare nuovi schemi di funzionamento degli organi, ciò rappresenta un’importante stimolazione delle energie  vitali e degli schemi psimotori presenti nella mente.
Esecuzione: dalla posizione distesa sul dorso, piedi uniti, braccia di lato al corpo. Mantendendo il contatto dell’area dei lombi con la supercie di appoggio sottostante, sollevare gli arti inferiori fino all’angolo retto contraendo la parete addominale o in parte attevrverso la spinta delle mani.  Qualora non fosse possibile si piò raggiungere la posizione partendo dalle ginocchia flesse. Inclinare ancora di più gli arti verso l’addome e progressivamente sollevare da terra il fondo schiena fino alle vertebre cervicale. Il mento quanto possibile è a contatto con la gola e sullo sterno, in modo che il tronco sia quanto possibile verticale. Mantinei la poszione per il tempo comodamente possibile.
Progressione: il livello sopra descritto è la forma esteriore, il proseguimento consiste nell’entrare nella forma corporea consapevolmente, esplorando nel paesagiio interno al corpo attrverso la percezione delle sensazioni, il respiro, i messaggio della tua mente.
La Buona regola: rispetta il tuo corpo ed i suoi limiti, lascia al corpo ed alla mente il tempo necessario per comprendere la posizione e maturarla, ricercando possibilità e soluzioni.
Controindicazioni: dsicopatieo ernie discali. Da evitatre nella donna nel periodo mestruale, in quanto il flusso naturale segue la forza discendente di apana, assumendo halasana il flusso verrebbe riportato in alto.
Alcuni effetti: l’intera fascia posteriore muscolare, tendinea. e la rete dei nervi che decorrono posteriormente al corpo vengono estese, come un elastico che si allunga. La colonna vertebrale si allunga, inoltre la dislocazione spaziale si inverte, il fondo schiene è in alto, l’apice della colonna si ritrova in basso. Il piano pelvico, l’area tra l’ano ed i genitali è rigenerata, in quanto alleggerita dal peso della massa viscerale, ciò stimola la circolazione sanguigna del basso ventre e dellì’area genitale.  L’area della gola a contatto con il mento stimola equilbrando la fuinzionalità della tiroide.

Per ulteriori informazioni in merito alla pratica contatta la nostra scuola  o 335.6438692