Smiling-wheelchair-1000x-something

YOGA PER TUTTI (tratto da Sat Sang incontri Yoga con Stefano Sattwa e Irene Pagnanell)i.
SEGUI I NOSTRI PROGAMMI

YOGA PUO’ ESSERE PRATICATO DA TUTTI?
“Credo ci sia, ci debba essere una possibilità per ogni persona, uomo, donna, povero o ricco, in salute o nella limitazione fisica o mentale, di sviluppare una visione più bella ed estesa della vita attraverso il sistema dello yoga. Yoga è uno dei sistemi più democratici  al mondo, lascia  a te la libertà di procedere su i tuoi passi, di decidere se e che cosa modificare, del tuo corpo e della tua mente, la tua vita, o lasciare tutto così com’è accettando la propria natura. Il maestro o l’insegnante, colui che cammina silenziosamente al tuo fianco, ti accompagna e ti guida, non ti impone nulla, non ti spinge al cambiamento, ma lascia a te la più completa libertà,  unitamente alla spontaneità del tuo essere. Il senso di uno yoga per tutti, non è uno yoga “libertino”, in cui ognuno fa ciò che vuole, tanto più o meno è comunque yoga. Tali interpretazioni vengono utilizzate in pratiche inventate, in cui viene apposta l’etichetta yoga,  con pochi o nessun riferimenti alla tradizione ed alla messaggio universale che yoga contLOCANDINA-01iene. Diverso è uno yoga compiuto consapevolmente ed in saggezza, rispondente alle necessitò ed alla fiorita della personalità umana in ogni suo aspetto, ognuno utilizzando e mettendo in atto le proprie risorse e capacità. In altri termini Yoga per tutti è una pratica dello yoga consapevole ed adattiva, in cui ogni applicazione si plasma in maniera fluda e flessibile sul corpo, sulla mente e sul cuore di chi esgue la pratica, sia che si tratti di assana, pranayama, mantra, meditazione o quant’altro. A questo caro amico dello yoga ti invito, ad un nuovo inizio”. SEGUI I NOSTRI PROGAMMI

 

Dicci la tua