fleurs

Un discepolo si recò in visita ad un maestro e gli chiese: Maestro qual è il vero yoga? Il Maestro rispose, il vero yoga è…poi aggiunse, verità. L’allievo continuò dicendo, maestri diversi trasmettono yoga in modo diverso, a volte in maniera opposta.  Allora ti chiedo amato maestro qual è il vero yoga a cui ci si può affidare con fiducia. Il maestro ripose: il vero yoga è…..dentro di te, è quello che ti prende la mano, la mente ed il cuore e ti conduce verso quella realtà che è in te, e la  verità è sempre vera e giusta. Quello è lo yoga  ed il maestro a cui affidare il corpo, la mente ed il cuore. 

Ci sono molte scuole e molti insegnanti dello yoga. Molte persone che praticano, come allievi o aspiranti della yoga, soprattutto agli inizi della loro pratica quando si è ancora incerti e la conoscenza del percorso limitata, si chiedono quale sia lo yoga vero, quello connesso alle origini ed alla tradizione ed al tempo stesso attuale, a cui affidarsi con fiducia e che possa esaudire le necessità e le aspirazioni individuali considerando il fatto che in tale percorso ci sono scuole e modi diversi di presentare interpretare e praticare yoga.

Se osserviamo la tradizione del Tantra da cui il sistema dello yoga deriva, vediamo che tali tradizioni sono riuscite ad attraversare i millenni ed essere tramesse da generazione in generazione fino ai nostri giorni ed a noi, che in qualità di praticanti, aspiranti, amici dello yoga discepoli siamo parte di questa storia millenaria. Il Tantra ha avuto la capacità innanzitutto di inglobare ogni aspetto della vita come opportunità di crescita individuale ed inoltre tale sistema non considerava un fatto negativo adattarsi e plasmarsi al variare delle epoche e delle società. Come l’acqua si adatta ad ogni recipiente in cui viene versata, pur rimanendo sempre acqua al di là della forma tonda o quadrata, il Tantra come l’acqua ha assunto ogni forma possibile pur rimando integro nella sua essenza.

C’è un detto tantrico in cui si afferma che i testi e gli insegnamenti obsoleti che non sono più necessari in un certo periodo storico sono destinati a scomparire nell’Akasha, successivamente se saranno ancora necessari ritorneranno anche in una forma diversa attraverso Guru, Rshi ed Avatar e in tradizioni orali o scritte. Il vero yoga è quello che in quel determinato momento della vita è efficace nel dare delle risposte alle proprie domande ed aspirazioni. Se in un momento della vita il nostro problema primario è  l’ insonnia, al mattino appena svegli si è stanchi e depressi, forse il primo aspetto verso il quale rivolgere la pratica dello yoga è nel contribuire al riposo notturno, altrimenti anche il giorno sarà disturbato e vissuto in modo limitato e non sarà neanche possibile occuparsi di altri aspetti della personalità attraverso yoga.

Se il problema è il mal di schiena, lo yoga che aiuta in tale direzione è in quel momento adeguato. Se ci sono aspirazioni diverse, come conoscere la propria mente, la meditazione, la sfera dei sentimenti o procedere lungo quel percorso evolutivo che conduce all’essenza della vita, lo yoga adeguato dovrebbe fornire quel tipo di strumenti. Nella scuola di yoga, in cui insegno, trasmettiamo alle persone vari sistemi di yoga, in modo tale che ognuno possa trovare risposte adeguate alla proprie necessità ed aspirazioni.

A volte nonostante l’insonnia e la confusione mentale, il mal di schiena o altro si ha tendenza ha procedere in fretta e si vuole andare oltre per raggiungere aspetti più elevati della vita versi i quali magari esiste una propensione. Ma come non possiamo correre i centro metri in velocità se siamo zoppicanti e camminiamo con un bastone, è necessario un maestro che ci indichi il modo adeguato di come procedere lungo il percorso, altrimenti ci perdiamo e ogni sforzo e  buona intenzione non porterebbero a nulla se non alla sfiducia e all’abbandono della via.

Come c’è il vero yoga è necessario anche un insegnante di yoga adeguato, quella persona che ti trasmette in modo semplice delle istruzioni sul modo corretto di procedere nella pratica dello yoga, e che ti osserva mentre stai praticando quando ti rechi da lui, ed attraverso tale osservazione può conoscere qualche cosa di te, aiutando a riconoscere i tuoi limiti e le possibilità senza per questo entrare nella tua sfera personale. Ed attraverso quello che conosce di te, può indicarti quali siano le pratiche migliori da applicare in quel momento della tua vita.

Gli insegnanti a loro volta sono allievi ed a volte anche discepoli, quando nel cuore e nella mente è presente il Guru, il maestro che è la fonte di ispirazione nella vita e guida nell’insegnamento e nel sadhana dello yoga. 

Sannyasin Sattwa

Hari Om

Dicci la tua